UNISTRAPG #ACQUA obiettivo #COMUNE

UNISTRAPG #sostenibile

L’Università per Stranieri di Perugia ha scelto di impegnarsi attivamente per essere un Ateneo sostenibile, facendo sì che le proprie strutture, le attività e i servizi offerti siano sostenibili dal punto di vista ambientale, sociale ed economico. Per raggiungere questo obiettivo è nata un’iniziativa che mira a fare rete all’interno dell’Ateneo tra le esperienze di ricerca e applicative nell’ambito della sostenibilità. In collaborazione con il Comune di Perugia, che si è impegnato a presentare la candidatura della città come capitale verde d’Europa, verranno coinvolti attivamente personale e studenti sul tema sostenibilità in modo da consentire all’Ateneo di raggiungere risultati significativi sia al proprio interno sia sul territorio.

UNISTRAPG #Sostenibile #Acqua

Una delle azioni che l’Ateneo vuole intraprendere riguarda l’Acqua. Questa risorsa, fondamentale per la sostenibilità, è spesso utilizzata impropriamente, poiché difficilmente se ne comprende il valore sociale ed economico. Per tale motivo l’Ateneo ritene doveroso sensibilizzare tutti a farne un uso corretto. Oggi gli italiani sono i più grandi consumatori di acqua minerale in Europa in termini di consumo procapite: 172 litri all’anno (fonte Massmarket.it).  A prescindere dai motivi di questa affezione alle acque in bottiglia, non si può non rilevare che il consumo di acque minerali comporta elevati impatti ambientali: nella produzione degli imballaggi, nel trasporto (quasi esclusivamente su gomma) delle confezioni ai fini della distribuzione e vendita, nello smaltimento finale. I due ambiti in cui si ha maggiore incidenza sono la produzione di gas climalteranti e la generazione di rifiuti, che solo in minima parte vengono avviati al riciclo. Per produrre le bottiglie che ogni anno vengono bevute in Italia occorrono infatti 350.000 t di PET (PoliEtilenTereftalato) ovvero 665.000 t di petrolio (che corrispondono a circa 4.650.000 barili di petrolio) e si emettono in atmosfera 910.000 t di CO2eq. Il consumo di acqua (la cosiddetta acqua virtuale) è invece di oltre sei miliardi di litri. Per il trasporto delle bottiglie (considerato che circa l’82% viaggia su gomma e si stimano trecentomila TIR in circolazione per il trasporto delle acque minerali, con una percorrenza media di 1000 km e un consumo medio di 1 L di gasolio per 3 km), si ha l’emissione di 265.000 t di CO2. Le bottiglie di plastica diventano rifiuto normalmente dopo un solo utilizzo e, nella grande maggioranza dei casi, il loro destino è la discarica, dove, anche compattate, occupano volumi enormi. Dati i tempi lentissimi di degradazione le bottiglie rimangono sepolte inalterate fino a 1000 anni Nel celebrare la giornata mondiale dell’acqua l’Università per Stranieri insieme al Comune di Perugia e Umbra Acque vuole inaugurare una  azioni concrete relative alla gestione delle risorse idriche e di sostenibilità attraverso l’installazione di erogatori di acqua in Ateneo e  la progettazione di una fornitura agli studenti del kit #UNISTRAPGSostenibile, con l’obiettivo di
  • ridurre i rifiuti di plastica;
  • attingere ad acqua senza trasporto perché “a Km Ø”;
  • garantire acqua controllata, fresca e sana (Umbra Acque);
  • ridurre i costi di consumo;
  • diffondere buone pratiche di sostenibilità ambientale.
Event info
Start date: March 22, 2019
End date: March 22, 2019
Organization: UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI PERUGIA
Online
Share This